Trentennale, tutto esaurito al concerto del Wu Ming Contingent

postato in: Cooperativa | 0
Sold out per la “Terapia del Fulmine” del Wu Ming Contingent

Il reading concerto “La Terapia del Fulmine” del Wu Ming Contingent, organizzato per il nostro trentennale, ha registrato il tutto esaurito. Una grande partecipazione della cittadinanza, che ha richiamato anche l’interesse della stampa locale. Riportiamo l’articolo apparso sulla Gazzetta di Parma il 19 ottobre 2019.

Cigno Verde, tutto esaurito al concerto del Trentennale

Festeggiare il proprio trentennale all’Europa Teatri, invitando la cittadinanza ad assistere al reading concerto “La Terapia del Fulmine”, del Wu Ming Contingent, è solo una delle tante iniziative promosse dalla Cooperativa Sociale Cigno Verde. Ma questa ha avuto una rilevanza maggiore, sia per i temi trattati, sia per la grande partecipazione dei cittadini.

Lo spettacolo ha affrontato il tema della follia, collegato alle varie cure messe in campo nel corso della storia. Dalla soluzione del fuoco per le “streghe”, all’elettroshock, fino alla legge Basaglia “quella che ha fatto chiudere i manicomi”. A completare il collage di musica e teatro, sono state le testimonianze, le carte processuali, le pagine di diario, e i testi originali composti per l’occasione.

“A poco più di quarant’anni dall’approvazione della legge Basaglia, è bene ricordare gli avvenimenti e le persone che hanno lasciato un’impronta positiva sul territorio. Come la chiusura del disumano ospedale psichiatrico di Colorno, fortemente voluta anche da Mario Tommasini”, dice Luca Borgarelli, vicepresidente della cooperativa, ricordando l’assessore alla Sanità di Parma di quegli anni. “Gli internati vennero man mano inseriti in società. E questo è uno degli aspetti che caratterizza l’impegno della cooperazione sociale: l’attenzione al disagio, la dedizione per una comunità inclusiva, l’emancipazione delle persone più deboli”.

La sala del teatro Europa ha fatto il “tutto esaurito”, un pubblico visibilmente emozionato ha seguito il “filo rosso” del Wu Ming Contingent. “Con questa serata abbiamo voluto restituire alla città il sostegno ricevuto nei trent’anni di attività, offrendo un momento di riflessione su temi di interesse comune e che caratterizzano il nostro impegno sul territorio”, conclude il vicepresidente della Cooperativa Sociale Cigno Verde.

Sostenibilità e benessere: approvato il Piano Spostamenti Casa Lavoro

postato in: Cooperativa | 0
Aumentare il benessere dei nostri operatori con pratiche improntate a una maggiore sostenibilità ambientale

spostamenti-casa-lavoro-parmaUna bella notizia in cooperativa Cigno Verde: il comune di Parma ha approvato il Piano Spostamenti Casa Lavoro che abbiamo presentato.
Il PSCL analizza le abitudini di mobilità dei dipendenti, le cause che li generano, e le possibili soluzioni da attivare. L’obiettivo è aumentare il benessere dei nostri operatori, attraverso azioni in grado di coniugare politiche di welfare aziendale e di sostegno alle famiglie, con pratiche e stili di vita improntati a una maggiore sostenibilità ambientale.

Infatti gli spostamenti sistematici rappresentano una quota molto rilevante della mobilità in campo urbano, per cui ogni azienda è tenuta a fare il possibile per minimizzare l’impatto sull’ambiente generato dai suoi dipendenti, contribuendo attivamente a ridurre l’inquinamento atmosferico e le emissioni di gas serra.

La cooperativa sociale Cigno Verde, per dimensione e numero dei dipendenti, non ha l’obbligo normativo di nominare la figura del Mobility Manager aziendale, né di redigere il PSCL, tuttavia abbiamo scelto di farlo ugualmente nell’ottica dell’impegno ambientale e sociale che portiamo avanti da trent’anni.

Al link il Piano Spostamenti Casa Lavoro completo.

Servizio Civile Universale: ecco i progetti attivi in Cooperativa

postato in: Cooperativa | 0

 

Tutte le informazioni per partecipare al Servizio Civile Universale 2019/2020. Progetti a Parma e a Fidenza

Servizio-civile-universale-parmaIl bando è stato pubblicato il 4 settembre, e scade il 17 ottobre alle ore 14:00. Quindi fino a quella data è possibile presentare domanda di partecipazione ai vari progetti attivi tra il 2019 e il 2020.

I PROGETTI ATTIVI IN COOPERATIVA – La Cooperativa Cigno Verde è impegnata su tre progetti:

  1. Gnam! Nuova vita nel piatto: 2 volontari presso la sede di Parma
    Settore: Assistenza
    Area di intervento: Adulti in condizione di disagio (leggi la sintesi del progetto)
  2. Shhh! Silenzio si cresce: 1 volontario presso la sede di Parma.
     Settore: educazione e promozione culturale
    Area di intervento: Animazione culturale verso i minori | Attività di tutoraggio scolastico (Leggi la sintesi del progetto)
  3. Wow! Diverse esclamazioni: 1 volontario presso la sede di Fidenza.
    Settore: Assistenza
    Area d’intervento: Disabili | Altri soggetti in condizione di disagio o di esclusione sociale (Leggi la sintesi del progetto)

Da quest’anno la domanda di partecipazione si presenta esclusivamente online, attraverso la piattaforma Dol (Domanda On Line) che consente di compilare e inviare la domanda attraverso PC, tablet o smartphone. Per maggiori informazioni clicca qui.
Tutti gli approfondimenti sui progetti sono reperibili sul sito www.serviziocivileparma.it

Ecco anche il video esplicativo delle esperienze di Servizio Civile presso le sedi cooperative del Consorzio Solidarietà Sociale di Parma. Esperienze in ambito sociale con assistenza ai minori, giovani, disabili, e persone con fragilità.

 

 

Progetto Barilla di agricoltura sociale: nei campi per rinascere

postato in: Cooperativa, Notizie | 0
Inserimento sociale grazie al lavoro agricolo, cinque nuovi operatori in Cooperativa
progetto-barilla-di-agricoltura-sociale-podere-stuard

Stamattina sulla Gazzetta di Parma è stato presentato ufficialmente il Progetto Barilla di agricoltura sociale. “Nei campi per rinascere…” recita il titolo, ed è proprio così per i cinque operatori della Cigno Verde, che da due mesi lavorano nei campi dell’azienda agraria sperimentale Stuard.

Qual è l’unicità del progetto? La concreta possibilità di riscattare attraverso il lavoro, coloro che, troppo superficialmente, vengono liquidati come “disabili psichici”. Grazie all’impegno economico del Gruppo Barilla, che ha sottoscritto una convenzione articolo 22 con la nostra cooperativa, e grazie all’iniziativa e alla mediazione dell’Agenzia regionale per il lavoro, cinque persone disabili hanno un lavoro, e sono motivate e contente di lavorare in gruppo.

Al Podere Stuard Parma, partner dell’iniziativa con i suoi tecnici e agronomi, i ragazzi si stanno impegnando nelle varie attività agricole che l’azienda svolge. Il Gruppo Barilla si dice soddisfatto per i risultati legati a questo progetto, e ci auguriamo, come ha riferito il presidente Fabio Faccini alla Gazzetta, che questa sperimentazione venga ripresa anche da altre imprese del territorio.

In allegato l’articolo pubblicato sulla Gazzetta di Parma.

Tutti al cinema per il secondo evento del trentennale

postato in: Cooperativa, Notizie | 0

Continuano i festeggiamenti per il nostro trentennale, e anche il secondo appuntamento ha avuto come obiettivo quello di creare condivisione e dialogo su tematiche care alle persone e al territorio.

Lunedì 15 aprile abbiamo, infatti, invitato la città di Parma al Cinema D’Azeglio, per assistere alla proiezione gratuita del film “Al massimo ribasso”, prodotto dalla cooperativa Sociale Arcobaleno di Torino e RAI Cinema.

La necessità è stata riaprire una discussione sulle gare di appalto pubbliche promosse da amministrazioni, per l’affidamento di servizi. Gare in cui, spesso, l’elemento progettuale risulta scarsamente rilevante rispetto al punteggio attribuito all’offerta economica. Nel particolare: il massimo ribasso, le sue logiche, la formula che decide per tutti e, spesso, a discapito di tutti.

Raccontare dinamiche così ingarbugliate, attraverso il linguaggio cinematografico, ci è sembrato il modo più efficace per dialogare con i presenti.

Con l’esperienza di Diego, il protagonista del film, i punti chiave della questione sono subito balzati agli occhi: corruzione, malavita, mancanza di tutela dei lavoratori, riciclaggio di denaro, assenza di controlli da parte delle amministrazioni, e tanto altro. Un mix di elementi che sommati scatenano danni irreparabili.

Ad approfondire l’argomento, dopo la proiezione: Tito Ammirati, presidente della cooperativa Arcobaleno di Torino, l’avvocato e docente universitario Paolo Michiara, e il nostro presidente Fabio Faccini. Il tutto moderato dal giornalista Matteo Billi.

Le argomentazioni hanno attirato l’interesse del pubblico che è rimasto in sala fino alla fine. Gli obiettivi sono stati raggiunti: dialogare e avvicinare le persone a tematiche complesse e attuali, accendere la consapevolezza su come certe scelte incidano sulla vita di tutti.

Concludiamo con le parole del presidente Faccini: “Il nostro sguardo è proiettato al futuro. Ci occupiamo di inserimenti lavorativi di persone svantaggiate, figure che nascono da situazioni problematiche ma che riescono a essere d’aiuto per altri. Quindi per la Cooperativa Cigno Verde è impensabile non avere legami col territorio. Sosterremo iniziative, continueremo a chiedere un dialogo alle amministrazioni. Faremo valere il nostro impatto sociale per creare coesione col territorio”.

Dunque, vi aspettiamo ai prossimi eventi, con nuove idee e proposte. Seguiteci per restare aggiornati. A presto!

 

1° piazzola di compostaggio agli Orti sociali

postato in: Cooperativa, Notizie | 0

Entra nel vivo il progetto “Orti Rifiuti Zero”, promosso dal Comune di Parma – Assessorato alle Politiche di sostenibilità ambientale – in collaborazione con diversi soggetti del territorio tra cui Coordinamento Provinciale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti, RETEParmaRiusa (nell’ambito del Progetto CompoSharing), coordinamento di associazioni e cooperative che comprende anche la cooperativa Cigno Verde.

Il progetto, cofinanziato dal fondo d’ambito di Atersir, ai sensi della Legge Regionale sull’Economia Circolare (L.R. n. 16/2015), prevede – in questa fase sperimentale- la realizzazione di 3 piazzole di compostaggio negli orti sociali della città di Parma.

Lo smaltimento della frazione verde dei rifiuti urbani costituisce un costo significativo per il Comune di Parma, come d’altra parte per tutti i Comuni dell’Emilia-Romagna, e l’attivazione di nuove piazzole di compostaggio ha anche come obiettivo quello di ridurre la quantità di rifiuti a smaltimento che, in questo caso, verranno riciclati grazie al processo di compostaggio, trasformandoli in terriccio.

La prima piazzola di compostaggio è stata inaugurata il 5 marzo 2019 presso gli Orti Sociali di Via Venezia, alla presenza di Tiziana Benassi (assessore alle Politiche di sostenibilità ambientale del Comune di Parma), Benedetto D’Accardi (presidente Coordinamento Provinciale Centri Sociali, Comitati Anziani e Orti); Merhi Hussein (presidente orti sociali di via Venezia); Massimo Donati ed Enrico Ottolini del Coordinamento di associazioni e cooperative sociali RETE ParmaRiusa e Fabio Faccini della Coop sociale Cigno Verde.

 

 

La nuova piazzola di compostaggio è un’area dove gli utenti degli Orti Sociali potranno conferire gli scarti vegetali, per destinarli alla produzione di terriccio. In questo modo il Comune di Parma intende ridurre da un lato la produzione di rifiuti e dall’altro l’utilizzo di ammendanti e fertilizzanti negli orti sociali permettendo il ritorno a nuova vita dei rifiuti vegetali, che, una volta trasformati in compost, potranno essere utilizzati come fertilizzanti.

La nuova piazzola di compostaggio intende anche promuovere comportamenti virtuosi selezionando gli scarti vegetali che, in questo modo, potranno essere, poi, riutilizzati; inoltre i singoli utenti saranno incentivati a diffondere questo tipo di pratica anche al di là dei confini degli orti.

La realizzazione della piazzola ha previsto l’installazione di contenitori per la raccolta differenziata da parte di Iren, così da conferire nella piazzola solo gli scarti vegetali ed ovviare ad una raccolta in precedenza meno puntuale.

La piazzola di compostaggio è stata progettata e realizzata dalla Cooperativa Sociale Cigno Verde, che si occuperà anche della gestione e dell’informazione a tutti gli utenti. È suddivisa in vari scomparti, adibiti a raccogliere in modo separato gli scarti legnosi, da sottoporre a triturazione, e gli scarti verdi. Le due tipologie saranno poi miscelate ed avviate a compostaggio. Gli scomparti saranno progressivamente occupati, per ottenere cumuli di compost a diversi stadi di maturazione. Periodicamente il terriccio prodotto sarà distribuito gratuitamente agli assegnatari, che lo potranno utilizzare nei propri appezzamenti.

Vendita Biciclette “Recuperate” a Station Market

postato in: Cooperativa, Notizie | 0

Domenica 24 febbraio, dalle 14 alle 20, presso WoPa Temporary Parma ci sarà anche lo stand della Cooperativa Cigno Verde allo Station Market.

Porteremo tante “biciclette Recuperate” attraverso il Progetto “RiCiclo”: bici vecchie, riassemblate e rimesse in sesto dai meccanici della LabOfficina!

Grazie a RE POP per l’invito!

locandina Station Market_feb2019
locandina Station Market 24 febbraio 2019

2019… la Cigno Verde compie 30 anni!!!

postato in: Cooperativa, Notizie | 0

C’è aria di festa in cooperativa!!!

30 anni cigno verde
30 anni cigno verde

Il 18 settembre 1989 nasceva a Parma la Cooperativa Cigno Verde, quindi nel 2019 festeggiamo i 30 anni di attività nell’ambito della cooperazione sociale.

Internamente alla cooperativa è già stato costituito un gruppo di lavoro, con il compito di raccogliere i suggerimenti di soci, lavoratori e collaboratori, e poi decidere ed organizzare una rassegna di eventi per festeggiare i nostri primi 30 anni!

Se avete suggerimenti scrivete a info@cignoverdecoop.it

 

 

Progetto di mobilità sostenibile 2018

postato in: Cooperativa | 0

Progetto di mobilità sostenibile 2018: acquistati due mezzi ecosostenibili per il Servizio di consegna pasti

Il Servizio di consegna pasti alle strutture di cura e ricoveri anziani del territorio provinciale, gestito dalla cooperativa Cigno Verde per conto di un’azienda di ristorazione collettiva del territorio regionale, iniziato a febbraio 2018, è andato a crescere nel corso dei mesi e attualmente impiega 9 persone (a tempo parziale) e prevede l’utilizzo di 7 veicoli.
La cooperativa a novembre 2018 si è impegnata nel sostituire almeno 5 veicoli (alcuni inizialmente impiegati attraverso contratti a noleggio) con mezzi EURO 6, alimentati a metano.
In particolare 2 mezzi a metano sono stati acquistati e 3 saranno acquisiti tramite contratti di leasing entro la fine dell’anno 2018.

L’impegno ambientale intrecciato all’attenzione al sociale continua!!!

Concluso il 3° ciclo dei Laboratori di Mezzo

postato in: Cooperativa, Notizie | 0

Nel mese di Luglio si è concluso il terzo ciclo della II edizione dei Laboratori di Mezzo, coordinati dal CSS Parma e supportati da Fondazione Cariparma (Bando 2016-2017)!
I laboratori realizzati persso la sede di Parma (di Riuso di materiali, di PC e Web communication, di Riparazione e riutilizzo biciclette e di Smontaggio di componenti elettroniche RAEE) e presso la sede di Fidenza (Carpenteria e Falegnameria) hanno visto impegnati nei mesi da marzo a luglio 2018 ben 21 persone inviate da Servizi sociali e sanitari del territorio e da Enti che si occupano di accoglienza di persone straniere, con i principali obiettivi di formazione, socializzazione ed integrazione.

Come sempre la collaborazione di tutta la cooperativa è stata importante ed utile per costruire una relazione positiva con queste persone per le quali il nostro contesto lavorativo e sociale era totalmente nuovo. Conclusisi con successo, abbiamo salutato tutti i partecipanti con un buffet offerto all’Area Camper.

foto Alessandra D’Anna (CIAC Onlus)

Cosa sono i Laboratori di Mezzo?
Link al video: https://www.youtube.com/watch?v=6Sb3_PGvilE

1 2