Conclusione del Laboratorio di agricoltura urbana a villa Ester di ASP per ragazzi e ragazze con disabilità

Il 7 luglio si è concluso il laboratorio di agricoltura urbana che abbiamo realizzato presso la Casa del Quartiere Villa Ester di ASP Parma. Gli incontri rientrano tra le numerose attività svolte nel Centro Estivo rivolto a ragazzi e ragazze con disabilità delle scuole superiori, promosso da Comune di Parma e gestito da ASP Parma, in collaborazione con il Consorzio Solidarietà Sociale. Il Centro estivo è iniziato il 14 giugno e terminerà il 3 settembre 2021.

Le attività del laboratorio di agricoltura urbana sono state condotte da Matteo Sicuri, operatore del servizio Composharing della Cigno Verde, e strutturate in quattro incontri.

Le attività del laboratorio

Nel corso della prima giornata i partecipanti hanno preso familiarità con l’orto in cassetta presente a Villa Ester, cimentandosi nelle varie attività di manutenzione come il trapianto delle piantine di basilico, la potatura delle piante di pomodoro, che necessitavano di un’importante sfoltita, e la quotidiana innaffiatura delle varie produzioni vegetali e delle erbe officinali. A riprova del buon lavoro svolto sono stati anche raccolti i primi pomodori dell’orto.

Oltre a questa attività i ragazzi e le ragazze si sono occupate della realizzazione delle bombe di semi, piccole palle composte da un mix argilla, compost e semi da spargere nelle aree abbandonate o su terreni incolti, per favorire la nascita dei fiori.

Alcune di queste “bombe” sono state messe a germogliare utilizzando l’Ecopack, un kit composto da materiale d’uso e di riuso ideato dall’agronomo Massimo Donati e realizzato dalla nostra cooperativa.

Il laboratorio si è concluso con l’attività di identificazione degli insetti del suolo che i ragazzi hanno potuto osservare e riconoscere attraverso appositi strumenti.

Le giornate sono state un bel momento di apprendimento e socialità per tutti i ragazzi che hanno contribuito al buon esito delle attività in base alle loro competenze e capacità.

Un doveroso ringraziamento va a tutti e tutte le partecipanti e agli operatori e le operatrici che hanno collaborato con entusiasmo alla realizzazione del laboratorio.

Share This