“Viaggio nei sapori del Maghreb”: l’iniziativa organizzata dalla cooperativa per dare risalto alle diverse nazionalità che convivono in Cigno Verde

“Viaggio nei sapori del Maghreb” è la prima di una serie di iniziative che la cooperativa organizza per favorire la socializzazione tra i lavoratori, dando risalto alle tante nazionalità che convivono in Cigno Verde e la ricchezza culturale che esse esprimono.

Sabato 2 luglio, presso la sede di Parma, si è tenuto l’incontro aperto a tutti i lavoratori della cooperativa. Con Mounia El Fasi, presidentessa dell’associazione “Donne di qua e di là“, e con Meryame Hammioui, mediatrice culturale e già volontaria del Servizio Civile, abbiamo ripercorso l’evoluzione dell’ immigrazione marocchina, tunisina e algerina. Attraverso alcune video-interviste fatte ai lavoratori della cooperativa, provenienti dall’area geografica del Maghreb, ci siamo soffermati sul rapporto con il loro paese di origine, le condizioni di vita in Italia e il legame con le proprie tradizioni.

Abbiamo voluto far conoscere la loro cultura, valorizzandola e cercando di superare gli stereotipi attraverso l’esperienza personale dei protagonisti.

A moderare l’incontro il presidente della cooperativa Fabio Faccini e il presidente onorario Franco Baldini.

Dopo il confronto, è seguito un pranzo a base di prodotti tipici del Maghreb, dal cous cous al pane marocchino, dai dolci al tè e altre bevande caratteristiche.

Ringraziamo tutti i partecipanti e concludiamo con una frase dello scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun, proposta da Mounia El Fasi:

“L’integrazione è un’operazione che si fa in due. Non ci si integra da soli. Integrarsi non significa rinunciare alle componenti della propria identità di origine ma adattarle a una nuova vita in cui si dà e si riceve.”

L’area del Maghreb

Il Maghreb costituisce l’area geografica e culturale più a ovest del Nord-Africa che si affaccia sul mar Mediterraneo e sull’oceano Atlantico. Si espande su una superficie geografica di oltre cinque milioni di chilometri quadrati, tra il bacino del Mediterraneo e il deserto del Sahara. La popolazione conta oltre 100 milioni di persone ed è concentrata per la grande maggioranza nelle coste e nelle pianure vicine.

Il Maghreb è considerato storicamente un crocevia tra le civiltà mediterranee e africane e ha costituto un’unità geografica caratterizzata dalla fusione culturale di elementi berberi e arabi. Sotto il profilo linguistico, la lingua maggioritaria è l’arabo, parlato localmente in varie varanti note nel loro insieme come arabo maghrebino. La lingua berbera è parlata in varie varanti soprattutto nei monti dell’Atlante e nel Rif (regione del del Marocco). La lingua francese riveste un ruolo importante dal punto di vista culturale e nel settore dell’economia.

Share This